Gengive ritirate: tutto quello che c’è da sapere

Inizio | Blog | Gengive ritirate: tutto quello che c’è da sapere

Everything you need to know about receding gums

Guida utile alle gengive ritirate: trattamento e costi

Le gengive ritirate sono più comuni di quanto si pensi: si tratta di una malattia parodontale che colpisce un individuo su quattro. La recessione gengivale si manifesta quando le gengive si ritirano dai denti. Di conseguenza, ciò significa che una parte maggiore del dente è esposta e che una grave recessione gengivale comporta l’esposizione di parti molto sensibili del dente.

Severe gum recession is worrying for many who suffer from them. Aesthetically, receding gums can affect the appeal of your smile and thUna grave recessione gengivale è preoccupante per molti di coloro che ne soffrono. Dal punto di vista estetico, le gengive ritirate possono influire sull’aspetto del sorriso e quindi sull’autostima. Sebbene molti decidano di farsi curare le gengive ritirate per motivi estetici, è importante anche per la salute orale. Ad esempio, la perdita di denti e le carie sono un paio di esempi di come la recessione gengivale possa influire in modo consistente sui tessuti dentali.erefore self-esteem too. Though many get treatment for receding gums for cosmetic reasons, it’s also important for your oral health. For example, imposing tooth loss and cavities are a couple of examples of how gum recession can affect your dental tissue.

La recessione gengivale: spiegazione

La recessione gengivale si verifica gradualmente nel tempo, quando la gengiva si allontana dai denti, e può essere causata da diversi fattori. Alcuni esempi sono:

  • Placca: la recessione gengivale può derivare dall’accumulo di placca, poiché i batteri in essa contenuti possono accumularsi in prossimità delle gengive; se non viene trattata, la placca si trasforma in tartaro. I bioprodotti del tartaro dissolvono il tessuto gengivale e provocano la recessione delle gengive. È importante in questo caso rivolgersi a un parodontologo.
  • Spazzolamento aggressivo: lo spazzolamento aggressivo o l’uso di spazzolini con setole dure può far regredire le gengive. Spesso si consiglia di utilizzare uno spazzolino elettrico che può avvisare se si spazzola troppo forte.
  • Scarsa igiene orale
  • Ormoni: nelle donne i cambiamenti ormonali possono talvolta provocare l’arretramento delle gengive.
  • Condizioni di salute: malattie come il diabete e l’HIV possono causare la recessione delle gengive.
  • Una bocca secca comporta meno saliva per lavare via i batteri nocivi che causano placca e recessione gengivale.

Come prevenire la recessione gengivale?

Conoscere le cause della recessione gengivale ti aiuterà anche a capire come fermarne l’arretramento in futuro. Per evitare la recessione delle gengive, invece, si può agire come segue:

  • Lavarsi accuratamente i denti due volte al giorno.
  • Utilizzare il filo interdentale una volta al giorno.
  • Utilizzare un collutorio antimicrobico due volte al giorno.
  • Seguire le raccomandazioni del dentista per la pulizia dei denti. (Molte persone riescono a mantenere le gengive sane con una pulizia semestrale, ma alcuni possono avere bisogno di visite più frequenti).
  • Utilizzare uno spazzolino a setole morbide.
  • Non fumare o usare tabacco da masticare.

Come capire se le gengive si stanno ritirando?

Poiché le gengive si ritirano con il tempo, molti individui si accorgono della recessione gengivale solo molto tardi. Tuttavia, alcuni sintomi della recessione gengivale possono aiutare a individuare i segni di un possibile arretramento; ad esempio, in caso di sensibilità dentale o se i denti sembrano più lunghi dall’alto, cioè se si vede di più il dente.  Altri segni indicativi includono:

  • Sanguinamento costante durante l’uso del filo interdentale o lo spazzolamento dei denti
  • Gengive anormalmente rosse o gonfie
  • Cattivo odore orale
  • Dolore e sensibilità lungo il bordo gengivale
  • Sensibilità a cibi e bevande caldi e freddi
  • Denti poco stabili
  • Radici dei denti visibili

L’importanza del trattamento per gengive ritirate

È incredibilmente importante sottoporsi a un trattamento per gengive ritirate se sono presenti i relativi sintomi. Non si tratta solo di un problema estetico, ma è una minaccia per i denti interessati e può comportare seri problemi di salute dentale. Pertanto, se sospetti una recessione gengivale, non ignorarla, perché può evolvere in gravi problemi dentali che possono essere irreversibili.

Trattamento per gengive ritirate e come fermare la recessione

È sempre bene che sia il dentista generico che il parodontologo siano coinvolti attivamente nel piano di cura e nel trattamento della malattia parodontale, in questo caso la recessione gengivale. In questo modo si formerà un approccio collaborativo di successo che progetterà al meglio un piano di trattamento per le esigenze individuali e la storia clinica. Un piano di trattamento adeguato per le gengive ritirate inizierà con l’individuazione della causa sottostante. È importante individuare la radice del problema per evitare che la recessione gengivale si ripresenti.

Se ci si sottopone a un trattamento per le gengive ritirate, il dentista potrebbe dover pulire solo i denti. Ad esempio, potrebbe essere sufficiente rimuovere la placca e il tartaro per impedire un’ulteriore recessione gengivale.

Nei casi più gravi può essere necessario un intervento chirurgico. Esistono due tipi di approcci chirurgici: l’innesto e la chirurgia del lembo. Il metodo più adatto dipende dalla gravità della recessione gengivale e dalla relativa velocità di avanzamento.

Chirurgia del lembo

Si tratta di una pulizia che il dentista esegue in profondità nel tessuto gengivale. In questo modo si rimuovono efficacemente tutti gli accumuli di tartaro e placca. A tal fine, il dentista dovrà sollevare la gengiva, effettuare la pulizia e poi richiuderla. Da qui il nome di chirurgia “del lembo”.

Innesto gengivale

Se l’arretramento gengivale è abbastanza gravi e le radici dei denti sono diventate visibili, è necessario un innesto. La procedura di innesto corregge la recessione gengivale rivitalizzando il tessuto dentale o l’osso nell’area interessata.

L’innesto può favorire la crescita gengivale attraverso il posizionamento in prossimità delle gengive di un tessuto osseo prelevato dal corpo o di un materiale sintetico.

Costo del trattamento per gengive ritirate

Il trattamento chirurgico per gengive ritirate può costare centinaia di sterline e, a seconda della gravità della condizione, può arrivare a superare le 1.000 sterline. Se si desidera un trattamento più economico per le gengive ritirate, molti si rivolgono ai servizi dentistici in Turchia per via dei prezzi più contenuti.

Ottieni una consulenza gratuita