Quali sono le cause delle gengive ritirate?

Inizio | Blog | Quali sono le cause delle gengive ritirate?

retracción de las encías

Le gengive ritirate sono più comuni di quanto si possa pensare: circa il 50% delle persone sperimenta un qualche tipo di recessione gengivale nel corso della vita. Nonostante ciò che molti credono, le gengive ritirate non sono necessariamente un fattore di scarsa igiene orale, né significa che una persona con una bocca non sana abbia maggiori probabilità di esserne colpita rispetto a una persona con una bocca sana.

Le probabilità sono le stesse a prescindere dall’età, anche se alcune persone anziane possono mostrare una recessione gengivale su più di un dente. Per questo motivo, esaminiamo più da vicino i sintomi da ricercare se si pensa che le gengive si stiano ritirando, il possibile motivo, come prevenirle e i trattamenti disponibili per ridurre al minimo il disagio associato alle gengive ritirate.

I sintomi

Se si ritiene che le gengive si stiano ritirando, si possono riscontrare molti sintomi, alcuni dei quali sono più gravi di altri. Se non si ha la certezza, è sempre meglio rivolgersi a un professionista che possa valutare il caso specifico e suggerire il trattamento migliore per migliorare la condizione.

Alcuni sintomi possono essere più difficili da individuare rispetto ad altri; vediamone alcuni:

  • Sanguinamento dopo aver lavato i denti o passato il filo interdentale
  • Gengive irritate, spesso arrossate e gonfie
  • Alitosi
  • Disagio o dolore in corrispondenza del bordo gengivale
  • Radici dei denti esposte
  • Alterazione dell’aspetto dei denti
  • Maggiore sensibilità al caldo e al freddo

Anche se alcuni dei sintomi elencati sono noti per essere fattori di altri problemi di salute, è una buona idea guardarsi allo specchio ed esaminare i denti per determinare se le gengive si stanno ritirando.

Prova a chiederti se un dente o più denti sembrano esposti in misura maggiore rispetto al passato. Se la risposta è sì, vale la pena prenotare una consulenza con il proprio dentista o presso una clinica per scoprire la causa del problema.

Perché le gengive si ritirano?

Come già detto, la recessione gengivale non è necessariamente il risultato di una cattiva igiene orale, ma può accadere a chiunque in qualsiasi fase della vita. Si verifica quando il tessuto gengivale inizia a staccarsi dal dente, lasciando esposte le radici sottostanti. Anche fattori minori, come uno spazzolamento aggressivo dei denti, possono essere all’origine del problema, ma anche il fumo può contribuire alla velocità con cui le gengive si ritirano.

A volte, una recessione gengivale è del tutto inevitabile a causa della genetica, quindi è una buona idea conoscere i problemi orali che altri membri della famiglia hanno avuto e a quale età, per avere un’idea più precisa di quando si potrebbe iniziare a mostrare la stessa condizione.

Posso evitare che le gengive ritirate peggiorino?

È possibile arrestare la velocità di peggioramento delle gengive ritirate grazie a un fattore chiave: buone abitudini di igiene orale. Uno dei modi più efficaci per arrestare un’ulteriore recessione è lavare i denti e passare il filo interdentale con costanza due volte al giorno.

Se le gengive hanno iniziato a ritirarsi a causa di uno spazzolamento aggressivo, fai attenzione a non usare forza eccessiva. Si può anche prendere in considerazione la possibilità di cambiare lo spazzolino con uno adatto ai denti sensibili, come quelli composti da setole morbide.

Le gengive ritirate possono ricrescere?

Purtroppo le gengive ritirate non possono ricrescere, ma possono essere trattate per evitare che peggiorino.

Quali sono i trattamenti disponibili?

Se sono presenti sintomi delle gengive ritirate, è importante rivolgersi a un medico il prima possibile per evitare che peggiorino. Fortunatamente, sono disponibili alcuni trattamenti per aiutare a trattare le gengive ritirate e prevenire problemi più gravi. Per esempio, il dentista può iniziare a rimuovere la placca e il tartaro accumulati sui denti per evitare ulteriori recessioni.

Nei casi più gravi di recessione gengivale può essere necessario un intervento chirurgico. A seconda del caso di recessione gengivale e della velocità con cui si è sviluppato, è possibile sottoporsi a un innesto o a una “chirurgia del lembo”, che prevede la pulizia profonda del tessuto gengivale attraverso il sollevamento della gengiva. L’innesto è necessario solo se le radici del dente o dei denti sono ormai esposte.

In sintesi

È importante trattare le gengive ritirate non appena si iniziano a manifestare i primi sintomi, anche se minimi. Se vengono ignorati, potrebbe essere necessario spendere più di 1.000 sterline per intervenire su alcuni dei danni causati. Tuttavia, con i numerosi trattamenti a prezzi accessibili offerti dai servizi odontoiatrici in Turchia, è utile fare una ricerca in anticipo.

Se desideri un consiglio o vuoi prenotare una consulenza con un membro del nostro team di esperti, compila il nostro modulo di contatto e ti risponderemo il prima possibile.

Ottieni una consulenza gratuita